13 Risposte to “The Scripting Library (from Web 2.0 to the Linked Data)”

  1. virginia gentilini Says:

    Va aggiunto che l’intero seminario mi sembra riuscito molto bene! Anche gli interventi degli altri relatori si sono integrati bene, con rimandi ma senza sovrapposizioni. Complimenti quindi anche agli organizzatori!

    Non sarà il caso di organizzare più spesso incontri di questo tipo o anche – idea che è venuta fuori spontaneamente fra tutti – pensare a qualche alternativa ai grandi incontri annuali?

    Certo è che la prossima volta vogliamo conquistare una stanza più grande! ;-)

  2. bonariabiancu Says:

    Cara Virginia, hai fatto bene a sottolineare l’impegno degli organizzatori e la resistenza umana degli astanti a stare seduti per terra e in quel clima tropicale (ma com’è che a Milano fa così caldo negli interni?? Mai trovato una risposta a questo enigma…).

    Per me, saranno almeno tre anni che cerco di organizzare un barcamp su tematiche Library 2.0: forse i tempi non erano ancora maturi ma… mi sembra che ci stiamo avvicinando: che ne pensi? E gli altri?

  3. Andrea Marchitelli Says:

    Anche io ho saputo che il vostro seminario è stato davvero interessante: desolato di non esserci stato.
    Quest’anno alle Stelline son riuscito a seguire meno cose che mai…

    E’ vero che la formula del grande convegno annuale pluritematico e plurisessione ormai stenta un po’, anche per le questioni economiche che cominciano ad affliggere i vari enti.
    Comunque se serve una mano per l’organizzazione, in futuro, sentiamoci!

  4. Manuela D'Urso Says:

    Ciao a Bonaria e a Virginia,

    ero presente anch’io nell’affollata e afosa saletta. Dopo l’intervento di Virginia ho dovuto uscire per evitare il collasso, mi e’ quindi dispiaciuto non poter partecipare al dibattito e/o poter intervenire con domande e altro.
    Propongo anch’io un incontro dove pero’ la platea possa intervenire attivamente (tavola rotonda?)

    un saluto e buon lavoro!

  5. Gege' Says:

    …Gege’ come al solito arriva ultimo e col fiatone. Ma una cosa volevo dire: se pensavate che giovedi’ pomeriggio fosse una maratona pesante, che dire del giorno successivo con Springer? giornata intera (mattina+pomeriggio) praticamente senza interruzione… e tutte cose da sentire! il che ovviamente, non essendo noi bibliotecari dotati di obiquita’ (e ci macherebbe se no aiuto…) ha impedito di essere al seminario Elsevier, dove ci sono stati altri interventi-bomba che ovviamente mi sono persa. Questo per dire che le Stelline lungi dall’essere in crisi (dala parte spettatori) stanno invece diventando impraticabili per sovrapposizione! E’ l’appuntamento con cui si inizia l’anno, i fondi sono appena arrivati e si tira la cinghia “dopo”, la sede è Milano servitissima dai mezzi di ogni tipo… dove la trovi un’altra combinazione del genere? credo che lo spazio per eventi più piccoli ci sia sempre e comunque, è la coralità, la massa, l’aggregazione che si crea alle Stelline ad essere irripetibile, con cui anche la disponibilità dei commerciali a fare da sponsor (vasto pubblico). possiamo darci da fare per eventi di nicchia (e qui parlo per esperienza diretta, vero Bonaria?) ma le Stelline rstano un’altra cosa. Tra l’altro una delle poche occasioni per comprarsi un vestito nuovo … ;)))
    Gege’

  6. Gege' Says:

    Un’altra considerazione a volo radente: i 3 seminari maggiori delle Stelline (a latere del convegno centrale) cioe’ Cenfor Elsevier Springer (prego notare ordine democraticamente alfabetico) non hanno comunicato su AIBCUR se/quando hanno messo a disposizione le slides degli interventi. Cenfor lo ha fatto, gli altri non saprei… ma mi pare curioso, è la prima volta che succede.

  7. Gege' Says:

    Trovate presentazioni Springer: http://www.springer.com/e-content/ebooks?SGWID=6-40791-12-576201-0
    Quelle Cenfor sono più facili, in bella evidenza il link su http://www.cenfor.it
    Missing quelle Elsevier, di cui stavo cercando in particolare Cirulli-Bardi sull’uso di Scopus per calcoli bibliometrici (i vari -Factor).
    Se qualcuno sa, magari qui, che è una delle più belle piazze vitruali d’Italia, faccia un fischio…

  8. bonaria Says:

    Ciao Gegè, non avevo dubbi che saresti arrivata, infine :-) Sì, le Stelline sono oggetto di dibattito, comunque vadano le cose. In effetti parecchi colleghi si sono lamentati (me compresa) della sovrapposizione che è quasi a livelli di ingestibilità. Per l’n-sima volta, per esempio, io ho perso tutti gli interventi principali (e con essi le numerose citazioni del Geek Librarian! Ahiahiahi ;-). La vitalità c’è – dunque perché non provare a sfondare il muro dei due giorni? Forse perché gli sponsor non riescono a sostenere la spesa? Vero è che da questa campana ho udito diverse lamentele circa la mancanza di ritorni sull’investimento… Come giustamente dici tu, è una manifestazione diversa dalle altre (più o meno di nicchia). E’ praticamente imperdibile. E il vestito nuovo va giustamente a sottolineare l’imperativo (etico-)estetico a non mancare… Grazie delle segnalazioni!

  9. Domenico Says:

    Ciao Bonaria, a proposito di Scripting, Mashup, Library 2.0 e Web of Data volevo segnalarti Colibrary, un tool che ha partecipato recentemente al challenge organizzato da SFWS 2009 (http://www.semanticscripting.org/SFSW2009/challenge.htm) arrivando terzo.

    è un piccolo prototipo realizzato dall’Università di Bari molto centrale con l’argomento di questo post ;)
    ciao!
    Domenico

  10. bonaria Says:

    Ciao Domenico, che splendida sorpresa! Detto tra noi, erano anni che aspettavo che qualcuno dalla mia città d’origine si facesse vivo :-) Già, sono nata e ho studiato a Bari, e mi fa enormemente piacere leggere di questa ottima iniziativa: complimenti!

    Ho letto il paper di presentazione e fatto qualche esperimento sull’interfaccia: sono molto colpita dallo spessore e dall’idea portante che, se vuoi, è del tutto logica per chi ha un certo approccio ai dati e all’apertura delle informazioni ma che invece purtroppo dimostra non essere molto praticata, almeno dai bibliotecari (anche se qualcosa inizia a muoversi: voi ne siete un esempio ;-)

    Mi piacerebbe saperne di più: avete per caso qualche presentazione – dal vivo o via Web – in programma? Intanto, sarebbe interessante correlare i dati bibliografici che attingete dalle varie fonti con quelli – bibliografici e non – disponibili su piattaforme come Open Library (oltre al blasonato google Books). Se non la conosci, dai un’occhiata alle loro API. Ci lavora una cara amica, Karen Coyle (internazionalmente nota come “metadata zar”!), e le segnalo subito il vostro progetto perché credo le interesserà moltissimo.

    Mi è piaciuto molto vedere integrato Freebase, che è un sito che seguo dalle origini, e cui ho contribuito un pochino, soprattutto all’inizio, quando si cercava di definire un modello di rappresentazione proprio dei dati bibliografici. Comunque, l’intuizione è quella giusta: aprire i walled gardens. E vale per i dati delle biblioteche così come per quelli dei social network: trovo veramente scandaloso che siano proliferati gli user generated content senza una modalità di importare, esportare e scambiare i contenuti.

    Anche l’interhash fornito da Bibsonomy è interessante: non lo conoscevo (non in questa forma, almeno; ero ferma agli hash generati dai file). Avete esplorato la possibilità di agganciare le pubblicazioni con il DOI? Sarebbe ugualmente interessante intrecciare anche gli archivi aperti tra le fonti cui attingete: repository di letteratura scientifica, spesso a testo pieno, e pubblicamente accessibile…

    Insomma, sono molto colpita: dammi più notizie, se vuoi, e comunque tienimi aggiornata. Buon lavoro e a presto!

  11. Domenico Says:

    Grazie Bonaria! grazie tante per l’interesse dimostrato :)
    non conoscevo Open Library e il solo fatto che offre delle API è già di per se interessante…approfondirò al più presto ;)
    Per quanto riguarda l’utilizzo del DOI, quella era la nostra intenzione iniziale ma inevitabilmente ci siamo scontrati con difficoltà di natura tecnica e quindi abbiamo dovuto necessariamente trovare un’alternativa :(

    Per quanto riguarda Colibrary, una versione precedente del sistema l’ho presentata ad un workshop sui mashup MEM2009 http://www.integror.net/mem2009/ all’interno di WWW2009 e sul sito ci sono anche le slide che ho presentato… in ogni caso puoi scrivermi via email se hai bisogno di qualsiasi informazione aggiuntiva :)

    Grazie anche per gli spunti di riflessione… in effetti ci sarebbe parecchio spazio per piccoli incrementi in modo da integrare sempre più fonti… speriamo di riuscirci…vedremo!

    PS
    Non sapevo fossi di Bari… è una piacevole sorpresa anche per me :)

  12. bonaria Says:

    Grazie delle informazioni e della segnalazione, Domenico! Leggerò con piacere le slide (le vostre e le altre – mi sembrano tutte interessantissime). Allora a presto, spero, e se fate qualcosa nei miei dintorni attuali (Milano), fatemi sapere, mi raccomando! In bocca al lupo per tutto :-)

    P.S. Open Library è il versante biblioteconomico di Internet Archive: l’ha fondata e finanziata sempre B. Kahle e adotta la stessa logica di accesso aperto: non a caso Kahle, con Open Content Alliance, è uno dei concorrenti dei progetti di digitalizzazione à la Google Books. Vedi questa sua bella intervista in tema di libri e libero accesso ai contenuti.

  13. Partecipazione e credibilità nell’epoca del reference 2.0 | bibliotecari non bibliofili! Says:

    […] per l’utente alle Stelline, in una sala minore ma strapiena di gente, insieme a Serena Sangiorgi, Bonaria Biancu, Ian Pattenden e Mary Joan Crowley. Un bel seminario organico, in cui i diversi contributi si sono […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: