Intute: RDN versione 2.0

Il celebre RDN – Resource Discovery Network, hub inglese di risorse gratuite online per lo studio e la ricerca negli ambiti disciplinari più disparati, dopo circa un anno e mezzo di incubazione, è giunto a rilasciare la sua ultima evoluzione: INTUTE.

Nell’ultimo numero di Ariadne, Caroline Williams, Executive Director di RDN, descrive nell’articolo dal titolo Intute: the new best of the web, il contesto entro il quale il portale Intute è maturato, le sue linee di sviluppo, i progetti che lo vedono coinvolto e le partnership con università e istituzioni tra le più accreditate al livello internazionale.

Intute prende le mosse da RDN per ampliarne servizi e modalità di ricerca, e lo fa servendosi di protocolli all’avanguardia e tecnologie che negli ultimi anni hanno dominato la scena accademica: si va dai feed agli archivi aperti. Leggiamo le parole della stessa Williams:

“The best services of the former RDN Hubs are shared across the whole, and inter-disciplinary browsing and searching have been improved. A database containing all the Internet Resource Catalogue records from each of the eight Hubs has been created with other benefits including improved currency and relevance. […]
The discipline focus of our service is delivered through four new subject groups:

  • Science, Engineering and Technology (including geography)
  • Arts and Humanities
  • Social Sciences
  • Health and Life Sciences

The Virtual Training Suite is in the process of being updated and has a new look; it will remain one of our most popular services spanning all subject areas.”

Ugualmente interessanti ed innovativi risultano essere i value-added services:

Intute remains a free online service, providing users with access to the very best Web resources for education and research, evaluated and selected by a network of subject specialists. […]

Value- added services contextualise the Web for education and bring us one step closer to our users. For example, Hot Topics, Limelight and Behind the Headlines take topical and current news or subject stories, and link them to lists of pertinent resources from our database. […]

Our work using new technologies will continue, building on initiatives such as the Social Science Voices podcasts published by Intute Social Science staff. Current examples include our use of blogs for news and updates from our Subject Groups in our Editors’ Log Web pages (Arts and Humanities, Health and Life Sciences, Sciences, Social Sciences) and the Intute harvester which offers a much larger database than the core catalogue.”

Volendo sintetizzare, sembra proprio che anche RDN abbia deciso di percorrere a modo suo la strada verso il 2.0, adottandone strategie e strumenti di lavoro, ed avendo ben chiari almeno tre obiettivi: l’unificazione dei servizi, la razionalizzazione della ricerca e soprattutto la trasparenza nella comunicazione con gli utenti. Le premesse del lavoro decennale di RDN sono ottime: se Intute seguirà le sue orme, la qualità di questo nuovo hub allargato sarà garantita…

Una Risposta to “Intute: RDN versione 2.0”

  1. bonaria Says:

    su questo argomento vedi anche l’ottimo post del blog della Biblioteca di Ingegneria del POLIMI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: