Resource discovery & information sharing: reaching the 2.0 turn

Paolo Avesani, ricercatore dell’ITC-IRST (Istituto Trentino di Cultura – Istituto per la Ricerca Scientifica e Tecnologica), sezione Sistemi per il Ragionamento Automatico, mi ha gentilmente invitato per un seminario il 21 agosto prossimo alle 15 presso l’ITC-irst, Povo (Trento) Sala Acquario.

Il Seminario si inserisce nel solco del progetto di ricerca che stanno sviluppando presso l’SRA: QUIEW – Quality-based Indexing of Web Information, progetto che Paolo Avesani ha presentato all’ISKOI2, nel giugno scorso.

Il fulcro della mia relazione sarà l’apporto che la library 2.0 ha dato allo sviluppo di una serie di funzionalità nei software per la gestione dell’informazione online, attraverso l’illustrazione, in particolare, di come Scout Portal Toolkit, applicativo adoperato presso la Biblioteca in cui lavoro, aderisca agli standard di gestione collaborativa e di condivisione della conoscenza propri del meme 2.0.

Abstract:

Il 2004 è stato l’anno della nascita e dell’affermazione del web 2.0: concetti come beta forever, participation age, user centricity, formalizzati dal guru Tim O’Reilly sullo scorcio dell’anno, sono stati ormai adottati dalla comunità dei navigatori. Il cambio di rotta si è rivelato decisivo e ha chiamato in causa per osmosi tutti quegli ambiti che pongono al cuore del proprio statuto epistemologico l’informazione (online) e la sua organizzazione.

Il mondo delle biblioteche è parso un banco di prova ideale per la verifica empirica del web 2.0 e molti bibliotecari e specialisti dell’informazione hanno cominciato da qualche mese a questa parte a sperimentare i suoi statement all’interno di un mondo che fa della mediazione qualificata tra informazioni e utenti la ragione della propria esistenza. Tutti quegli strumenti attraverso quali è possibile organizzare e condividere le informazioni online, in particolare, sono candidati ad essere testati – ed eventualmente arricchiti – alla luce delle innovazioni teoriche e pratiche del meme 2.0.

Il software di catalogazione e presentazione delle risorse Scout Portal Toolkit, si inserisce a pieno titolo nella cornice del trend delineato; l’intervento intende pertanto:

  1. mostrare come il sito LINX della Biblioteca dell’Università Milano-Bicocca – all’interno del quale esso è adottato – possa costituire un esempio di realizzazione pratica della library 2.0
  2. e delineare un possibile panorama di soluzioni volte all’implementazione e all’articolazione delle funzionalità del software.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: